X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Scissioni immobiliari al test del riallineamento fiscale dei valori

Secondo l’Agenzia, l’imposta sostitutiva non si potrebbe applicare quando i beni trasferiti in neutralità non costituiscono un complesso aziendale

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 19 aprile 2019

A seguito di una scissione societaria neutrale, è possibile optare per l’applicazione dell’art. 173 comma 15-bis del TUIR (che richiama l’art. 176 comma 2-ter del TUIR) che prevede un regime di imposizione sostitutiva ai fini delle imposte sul reddito e dell’IRAP che, senza intaccare per il resto il regime di neutralità fiscale dell’operazione, consente alla società beneficiaria di ottenere il riconoscimento sul piano fiscale dei maggiori valori contabili delle immobilizzazioni materiali e immateriali iscritti nel proprio Stato patrimoniale.

L’opzione implica il versamento di una imposta sostitutiva, sui maggiori valori contabili di cui si intende ottenere il riconoscimento sul piano fiscale, in misura pari al:
- 12% dei maggiori valori di cui si intende ottenere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU