X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Tutela penale contro la fruizione illegittima del reddito di cittadinanza

La falsa dichiarazione o l’omissione di informazioni dovute sono punite con la reclusione da due a sei anni

/ Mario PAGANO

Giovedì, 16 maggio 2019

Percepire illegittimamente il reddito di cittadinanza può costare davvero caro. Secondo l’art. 7 del DL 4/2019, (conv. L. 26/2019) che regola i profili sanzionatori della nuova misura di sostegno al reddito, non si tratta solo di perdere quanto ottenuto indebitamente, ma anche di andare incontro a pesanti sanzioni penali che possono raggiungere anche i sei anni di reclusione.

Sono, infatti, due le nuove fattispecie penali introdotte dal citato art. 7. Il comma 1 prevede che, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di ottenere indebitamente il reddito di cittadinanza, rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero omette informazioni dovute, è punito con la reclusione da due a sei anni.

In buona sostanza, questa prima ipotesi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU