X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

ONG non automaticamente incluse nel Terzo settore

/ REDAZIONE

Sabato, 25 maggio 2019

Con la nota del 22 maggio 2019 n. 4787, il Ministero del Lavoro ha escluso ogni automatismo nel riconoscimento della qualifica di ente del Terzo settore alle ONG e nella conseguente iscrizione nell’istituendo Registro unico nazionale del Terzo settore (c.d. RUNTS). 

Piu in particolare, occorre distinguere tra:
- ONG già in possesso della qualifica di ODV, di APS o di ONLUS, le quali sono considerate enti del Terzo settore nel periodo transitorio, ai sensi dell’art. 101 comma 3 del DLgs. 117/2017, e possono usufruire del regime “alleggerito” di adeguamento statutario configurato dal comma 2 della medesima disposizione;
- ONG prive di una delle predette qualifiche, le quali non beneficiano nel medesimo periodo transitorio della qualifica di ente del Terzo settore, ma possono acquisirla, quando la disciplina sarà a regime, previo adeguamento degli statuti secondo le regole comuni.

Per quanto concerne l’iscrizione al RUNTS:
- le ONG in possesso della qualifica di ODV o APS beneficeranno della procedura automatica di iscrizione prevista dall’art. 54 del DLgs. 117/2017 (“Trasmigrazione dei registri esistenti”);
- per le ONG attualmente iscritte all’Anagrafe delle ONLUS, la procedura dovrà essere disciplinata nel prossimo decreto ministeriale recante la disciplina di dettaglio sul funzionamento del RUNTS (art. 53 del DLgs. 117/2017);
- per le restanti ONG, l’iscrizione prevista dall’art. 89 comma 9 del DLgs. 117/2017 dovrà essere appositamente disciplinata, prevedendo uno specifico percorso di inserimento, che le differenzi rispetto alla più vasta platea di soggetti che aspirano all’acquisizione della qualifica di ETS.

TORNA SU