X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 22 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per errori su operazioni esenti il ravvedimento tiene conto del pro rata

/ Emanuele GRECO e Caterina MONTELEONE

Lunedì, 22 luglio 2019

Il soggetto passivo che ha erroneamente qualificato un’operazione come esente IVA invece che imponibile e si renda conto della violazione commessa può regolarizzare la propria posizione avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso.

In una situazione di questo tipo, per regolarizzare l’erroneo trattamento dell’operazione ai fini IVA, il soggetto passivo dovrà complessivamente rimuovere le diverse violazioni che potrebbero essergli contestate in sede di un eventuale controllo, tenendo conto di tutte le annualità ancora accertabili per le quali sia stato applicato il regime sbagliato.

Innanzitutto dovrà essere considerato l’art. 6 del DLgs. 471/97 che disciplina le sanzioni che possono essere irrogate per gli adempimenti prodromici alla corretta compilazione della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU