X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La residenza fiscale si valuta in base alle Convenzioni

Il dato dell’iscrizione all’Anagrafe della popolazione residente può essere superato dalle clausole dei Trattati internazionali

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 26 giugno 2019

La risposta a istanza di interpello n. 203 pubblicata ieri, 25 giugno 2019, segna un punto di svolta nell’interpretazione data dall’Agenzia delle Entrate alle condizioni poste dalla norma interna per qualificare le persone fisiche come residenti o non residenti e sul rapporto tra norma interna e Convenzioni contro le doppie imposizioni.

Pur non sussistendo una indicazione ufficiale nel merito della vicenda (la valutazione della residenza è, infatti, questione di fatto non risolvibile in sede di interpello), i principi evidenziati nel documento sono quelli per cui, nel momento in cui esista per la maggior parte del periodo d’imposta uno degli elementi previsti dall’art. 2 del TUIR per considerare la persona quale un residente italiano (nella fattispecie, l’iscrizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU