X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Negli appalti niente termine di decadenza biennale per i contributi

Per la Cassazione il termine ex art. 29 comma 2 del DLgs. 276/2003 non è applicabile all’azione promossa dagli enti previdenziali

/ Guglielmo BURRAGATO

Lunedì, 8 luglio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 18004/2019 la Cassazione affronta per quanto consta per la prima volta – e risolve in senso favorevole all’INPS – la questione dell’applicabilità o meno all’ente previdenziale del termine di decadenza di due anni dalla cessazione dell’appalto, previsto dall’art. 29 comma 2 del DLgs. 276/2003, per far valere la responsabilità solidale del committente per i debiti retributivi e contributivi dell’appaltatore.

La norma in questione prevede che “in caso di appalto di opere o di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali ulteriori sub-appaltatori, entro il limite di due anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU