X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

«Retrocessione» da IFRS a OIC con continuità nel consolidato fiscale

La neutralità prevista dall’art. 13 del DLgs. 38/2005 impedirebbe di revocare ex lege le opzioni già esercitate

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 22 luglio 2019

La transizione da IFRS a OIC pone alcuni interrogativi per le società che partecipano ad un consolidato fiscale già esistente e si ritrovano a valutare se questa transizione possa o meno avere effetti sulla prosecuzione della tassazione di gruppo.

La questione riveste una sua attualità in ragione delle disposizioni introdotte dall’art. 1 comma 1070 della L. 145/2018 (legge di bilancio 2019), con le quali è stato previsto che i soggetti in precedenza obbligati ad applicare gli IFRS (in primis banche, intermediari finanziari e imprese di assicurazione), i cui titoli non sono negoziati nei mercati regolamentati, possono ritornare ad utilizzare i principi contabili nazionali; il successivo comma 1071 prevede tale possibilità già a decorrere dall’esercizio precedente alla data del 1°

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU