X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

Dalla CNPR sostegno per le zone colpite dall’alluvione sulla costa adriatica

/ REDAZIONE

Sabato, 13 luglio 2019

Sospensione dei pagamenti dei contributi previdenziali e sussidi straordinari per gli iscritti. È questa la risposta della Cassa Ragionieri ai danni provocati dal maltempo che lo scorso mercoledì ha colpito diverse Regioni sulla costa adriatica.

“Proporrò al prossimo Consiglio di amministrazione della Cassa di previdenza dei Ragionieri – ha annunciato tramite una nota stampa Luigi Pagliuca, Presidente dell’ente – di prevedere interventi straordinari a favore dei colleghi commercialisti che hanno subito danni in occasione degli eventi di calamità naturale che hanno colpito la fascia adriatica e in particolare l’Abruzzo, le Marche e l’Emilia-Romagna”.

Tali interventi consentiranno agli iscritti alla Cassa di sospendere il pagamento dei contributi e ottenere dei sussidi straordinari, previsti dal regolamento dell’istituto. “Si tratta di un piccolo gesto – ha aggiunto il numero uno della CNPR – che rappresenta un segnale concreto per i colleghi che vivono e lavorano in questi territori e si trovano a dover far fronte ai disagi di questi giorni. A loro va la solidarietà e la vicinanza della Cassa Ragionieri”.

La tempesta di vento, pioggia e grandine ha interessato una zona che va da Milano Marittima (Emilia Romagna) a Pescara (Abruzzo), dove in meno di un’ora sono caduti 120 millimetri di pioggia. Proprio in Abruzzo si sono registrati i danni peggiori, con strade franate e tante coltivazioni distrutte.

TORNA SU