X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Prededucibile il credito per l’istanza di autofallimento

Il credito per la difesa contro l’istanza di fallimento di terzi, invece, non sorge in funzione della procedura

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 30 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza 28 giugno 2019 n. 17596, la Corte di Cassazione ha stabilito che il credito del professionista che abbia assistito il debitore nella presentazione della documentazione per la proposizione dell’istanza di fallimento in proprio – sebbene sia un’attività che può essere svolta personalmente dal debitore, ma che lo stesso, per ragioni di opportunità o di convenienza, ha scelto di affidare a un esperto di settore – costituisce un credito sorto in funzione della procedura fallimentare e ha natura prededucibile ex art. 111 comma 2 del RD 267/42.

Nel caso di specie, i giudici di merito rigettavano l’opposizione allo stato passivo proposta dal professionista avverso l’esclusione della prededuzione del credito maturato, a titolo di compenso, per le prestazioni rese, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU