X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Raddoppio dei termini fuori dalla motivazione dell’accertamento

/ Pietro SEMERARO e Giorgio INFRANCA

Venerdì, 30 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli artt. 43 del DPR 600/1973 e 57 del DPR 633/1972, nella versione ante L. 208/2015, stabiliscono che, in caso di violazione comportante obbligo di denuncia per reati fiscali, i termini sono raddoppiati in relazione all’anno in cui l’illecito è stato commesso.

Tra il 2015 ed il 2016, lo scenario normativo in materia di raddoppio dei termini è profondamente mutato.
Innanzitutto, l’art. 2 commi 1 e 2 del DLgs. 128/2015, entrato in vigore il 2 settembre 2015, ha modificato il comma 3 sia dell’art. 43 del DPR 600/1973, sia dell’art. 57 del DPR 633/1972, disponendo che “il raddoppio non opera qualora la denuncia da parte dell’Amministrazione finanziaria, in cui è ricompresa la Guardia di Finanza, sia presentata o trasmessa oltre la scadenza ordinaria dei ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU