X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Forfetari nel groviglio delle operazioni con l’estero

Sono esonerati dall’esterometro ma obbligati all’invio degli INTRASTAT per i servizi resi e ricevuti

/ Emanuele GRECO

Mercoledì, 16 ottobre 2019

I soggetti che adottano il regime forfetario ex art. 1 della L. 190/2014 possono trovarsi ad operare in un contesto internazionale ed interrogarsi in merito ai corretti adempimenti concernenti le operazioni poste in essere.
Non sussistono dubbi, per i soggetti in regime forfetario, in merito alla rilevanza ai fini IVA delle importazioni. Per definizione, sono soggette ad IVA, ai sensi dell’art. 1 del DPR 633/72, le importazioni “da chiunque effettuate”.

Nessuna deroga è, altresì, prevista per le cessioni all’esportazione in regime di non imponibilità ex art. 8 comma 1 lett. a) e b) del DPR 633/72, né per le operazioni ad esse assimilate (art. 8-bis del DPR 633/72), per i servizi internazionali (art. 9 del DPR 633/72) o per le operazioni nei confronti di San Marino o Città ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU