X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza depotenziamento perdite fiscali riportabili integralmente post fusione

Per l’Agenzia delle Entrate non si tiene conto del «limite quantitativo» del patrimonio netto

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 16 ottobre 2019

Con la risposta a interpello n. 416, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate torna a esaminare una specifica istanza di disapplicazione della normativa di contrasto alla compensazione delle perdite fiscali in caso di fusione societaria, di cui all’art. 172 comma 7 del TUIR.

Il caso oggetto dell’istanza riguarda una società incorporante Alfa che non presenta perdite fiscali pregresse, né eccedenze riportabili di interessi passivi di cui all’art. 96 del TUIR, con una società incorporata Beta che riporta invece perdite fiscali di ammontare superiore all’entità del proprio patrimonio netto risultante dall’ultimo bilancio o, se inferiore, dalla situazione patrimoniale di cui all’art. 2501-quater c.c. (calcolato senza tenere conto dei conferimenti e versamenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU