X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Possibile dichiarazione fraudolenta col regime del margine senza i requisiti

Se c’è consapevolezza dell’assenza dei presupposti la dicitura apposta sulle fatture ostacola l’accertamento

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 16 ottobre 2019

Con la sentenza n. 42147 depositata ieri, la Cassazione ha affermato che l’utilizzo del “regime del margine” in assenza dei requisiti di legge può integrare il reato di dichiarazione fraudolenta di cui all’art. 3 del DLgs. 74/2000.

Nell’ambito di una complessa vicenda giudiziaria, la Cassazione si è occupata della rilevanza, ai fini della configurabilità di reati tributari, del c.d. “regime del margine” previsto dagli artt. 36-40 DL n. 41/1995, ove si prevede una disciplina in deroga a quella generale, di cui al DL n. 331/1993, per gli acquisti relativi a beni o servizi ricevuti in Italia e provenienti da operatori economici di altro Stato dell’Unione europea.

Secondo il regime generale, l’IVA sull’acquisto di beni da parte di un operatore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU