X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non rimborsabili le imposte versate dai condebitori

Il debitore rimasto inerte potrebbe non avvantaggiarsi della sentenza favorevole ottenuta dal coobbligato

/ Dario AUGELLO

Lunedì, 16 settembre 2019

In caso di accertamento di obbligazioni solidali, il pagamento dell’imposta da parte di un condebitore, che abbia rinunciato all’impugnazione, comporta di regola, secondo la Cassazione, acquiescenza alla pretesa tributaria e divieto di ripetizione delle somme versate (Cass. n. 2231/2018).

Tale orientamento è consolidato e rende molto insidioso l’accertamento di obbligazioni solidali a carico di più condebitori.
Può accadere infatti che un debitore, dopo aver versato il tributo senza impugnare l’atto, venga a conoscenza del fatto che un condebitore ha impugnato lo stesso avviso di accertamento ottenendo una sentenza favorevole passata in giudicato: anche in questo caso il divieto di ripetizione resta fermo.

Il limite imposto dalla Cassazione non impedisce però al debitore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU