X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 19 gennaio 2020

FISCO

Perdite da abbandonare se la società si riduce ad una scatola vuota

Scatta, in questa situazione, la clausola antielusiva contenuta nell’art. 84 comma 3 del TUIR in caso di trasferimento a terzi delle partecipazioni

/ Gianluca ODETTO

Sabato, 7 settembre 2019

Secondo la risposta a interpello n. 367 dell’Agenzia delle Entrate pubblicato ieri, non sono riportabili le perdite fiscali di una società le cui quote sono acquisite da terzi nel momento in cui si assiste ad un sostanziale azzeramento dell’attività esercitata; questa conclusione resta valida anche se i terzi acquirenti hanno intenzione di riavviare la medesima attività in precedenza esercitata (nel caso concreto, quella immobiliare).

L’intervento dell’Agenzia delle Entrate ha ad oggetto una norma (l’art. 84 comma 3 del TUIR) su cui constano pochi interventi della prassi e della giurisprudenza, la quale vieta il riporto delle perdite fiscali, delle eccedenze di interessi passivi e delle eccedenze ACE nel momento in cui, contestualmente:
- la maggioranza delle partecipazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU