X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Gli indici della crisi non escludono la valutazione del professionista

I «benchmark» offrono dei segnali di attenzione ma non possono, da soli, identificare la situazione

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Venerdì, 20 settembre 2019

L’attesa della pubblicazione degli indicatori sulla crisi d’impresa da parte del CNDCEC ha accesso il dibattito e sollevato preoccupazioni tra studiosi e professionisti. Il nuovo Codice della crisi d’impresa, infatti, introduce in Italia lo strumento dell’allerta interna, basato sul motto “prevenire è meglio che curare”, con l’obiettivo di far sì che l’imprenditore colga in anticipo i segnali di crisi per poter individuare il prima possibile e, quindi, porre in essere, le azioni necessarie al fine di salvaguardare gli equilibri d’impresa e la continuazione dell’attività. Al fine di individuare i segnali di crisi si possono utilizzare indicatori prospettici (es. flussi di cassa previsionali) così come retrospettici (es. indici di bilancio

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU