X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 19 gennaio 2020

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Efficacia dell’iscrizione all’AIRE ancora critica

La nuova norma, che dà risalto al momento di presentazione della domanda, si applica solo se la pratica è pendente al 26 marzo 2019

/ Anita MAURO e Gianluca ODETTO

Mercoledì, 25 settembre 2019

La questione dell’efficacia dell’iscrizione all’AIRE risulta tuttora, anche a fronte degli ultimi interventi normativi, non del tutto scevra da problemi di notevole entità.

In termini generali, il trasferimento della residenza all’estero, a norma dell’art. 6 comma 9-bis della L. 470/88 (introdotto dall’art. 16 comma 3 del DL 22/2019, in vigore dal 26 marzo 2019), ha effetto dal momento della dichiarazione resa all’ufficio consolare, “qualora non sia stata già resa la dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero presso il comune di ultima residenza, a norma della vigente legislazione anagrafica”.
Questa impostazione supera, quindi, l’art. 7 del DPR 323/89 (contestualmente abrogato), il quale disponeva l’efficacia

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU