X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il passaggio interno di immobili non sempre rileva ai fini IVA

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Lunedì, 30 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’esercizio contemporaneo di più attività, da parte di società del comparto immobiliare (ad esempio, costruzione di edifici e locazione degli stessi), può condurre i soggetti passivi a esercitare l’opzione per l’applicazione separata dell’IVA ex art. 36 comma 3 del DPR 633/72.
Una siffatta opzione consente di limitare i possibili effetti negativi che deriverebbero dall’applicazione unitaria e indifferenziata, a tutte le attività esercitate, del pro rata generale di detrazione IVA di cui agli artt. 19 comma 5 e 19-bis del DPR 633/72, derivante dall’effettuazione di operazioni sia in regime di esenzione che in regime di imponibilità da parte del soggetto passivo.

Per le società immobiliari che usufruiscono della facoltà concessa dal citato art. 36 comma 3 del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU