X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

La scissione della consolidante non interrompe la tassazione di gruppo

Apposita istanza di interpello per le controllate le cui partecipazioni sono trasferite alla consolidante-beneficiaria per effetto della scissione parziale

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 29 ottobre 2019

L’art. 11 comma 6 del DM attuativo 1° marzo 2018 stabilisce che “la scissione parziale della consolidante non modifica gli effetti derivanti dall’opzione alla tassazione di gruppo da parte della scissa, fermo restando i requisiti richiesti di cui all’art. 117, comma 1, del testo unico”.
Ecco quindi che, esattamente come per l’ipotesi in cui una consolidata sia beneficiaria di una scissione, ai sensi del precedente comma 5 del medesimo art. 11, anche nel caso in cui la consolidante si scinda parzialmente la tassazione di gruppo proseguedi diritto”, fermi restando i requisiti necessari ai fini dell’efficacia dell’opzione.

Tuttavia, secondo l’Agenzia delle Entrate, l’affermazione che precede sembrerebbe doversi ritenere valida ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU