X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Gestione dell’attività lavorativa più libera con le prestazioni occasionali

/ Elisa TOMBARI

Venerdì, 8 novembre 2019

Le prestazioni di lavoro occasionale ex art. 54-bis del DL 50/2017 sono state introdotte per far fronte al vuoto normativo generatosi dopo l’abrogazione, ad opera del DL 25/2017 convertito, del lavoro accessorio (artt. 48-50 del DLgs. 81/2015). La scelta terminologica compiuta dal legislatore, con l’utilizzo del termine “occasionale” invece di “accessorio”, ha generato confusione in coloro che debbano avvalersi di prestatori per attività “occasionali”, posto che le prestazioni di cui all’art. 54-bis – attivabili con Libretto Famiglia o Contratto di prestazione occasionale a seconda che l’utilizzatore sia rispettivamente un privato o un professionista/microimpresa – pur essendo un istituto distinto, vanno ad affiancarsi e a costituire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU