X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

A Foggia confronto sulle politiche per il rilancio del Mezzogiorno

/ REDAZIONE

Mercoledì, 13 novembre 2019

Mettere in risalto i punti di forza e debolezza del Sud Italia per un rilancio economico e sociale che parta da nuovi investimenti.
Con questo obiettivo, il Consiglio nazionale dei commercialisti e la Camera di Commercio di Foggia hanno organizzato, in collaborazione con lo Svimez (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno), il convegno dal titolo “Investimenti per lo sviluppo del Mezzogiorno: commercialisti, istituzioni e imprese a confronto”, in programma all’Auditorium della Cittadella dell’economia della città pugliese venerdì 15 novembre (ore 8.30).

L’idea dell’evento nasce dall’analisi dei numeri forniti dall’ultimo rapporto su economia e società nel Mezzogiorno pubblicato recentemente da Svimez, che ha certificato un divario sempre più significativo rispetto al Nord Italia: nel 2019 il Sud fa registrare un -0,2% di PIL a fronte del +0,3% del Nord, un gap occupazionale aumentato di ulteriori due punti percentuali negli ultimi dieci anni (dal 19,6 al 21,6%), e oltre due milioni di persone, la metà under 34, che sono stati costretti ad andare via in cerca di prospettive migliori dal duemila a oggi.

Proprio dall’analisi di questi numeri partirà il confronto tra rappresentanti delle istituzioni, professionisti, docenti universitari e imprenditori, che si articolerà in due sessioni di lavoro. Il primo panel, dedicato a misure, modelli e azioni per uno sviluppo possibile del Mezzogiorno, vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Achille Coppola, Segretario del Consiglio nazionale, Giuseppe Catalano, coordinatore della Struttura tecnica di missione del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, e Adriano Giannola, Presidente di Svimez.

A seguire, la tavola rotonda su “Agricoltura, turismo e cultura: il cluster made in Italy come fattore di rilancio”. Prenderanno la parola, tra gli altri: Giuseppe Laurino, Consigliere nazionale dei commercialisti, Michele Pisante del Consiglio di Presidenza del cluster nazionale Agrifood, Giorgio Mercuri, Presidente nazionale di Alleanza Cooperative settore agroalimentare, e Luca Bianchi, Direttore generale di Svimez.

Le conclusioni della giornata di lavoro, invece, saranno affidate Mario Turco, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega a Programmazione economica e investimenti.

“Occorrono delle azioni – ha spiegato il Consigliere nazionale Laurino presentando l’evento – che puntano a dimostrare come solo con strategie condivise, una fiscalità di vantaggio, più semplice e sostenibile, nuovi modelli di business, si può pensare a un rilancio degli investimenti nel Mezzogiorno d’Italia. Il cluster Made in Italy, con agroalimentare, turismo e cultura, unitamente al cluster economia del mare, possono rappresentare un percorso possibile di crescita economica. Di questo percorso, i commercialisti si candidano a essere attori protagonisti e utili al Paese”.

TORNA SU