X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nulla la clausola della banca che impone il trattamento dei dati sensibili

La normativa sulla privacy ha natura imperativa ed è quindi inderogabile; l’istituto risponderà di inadempimento contrattuale

/ Erisa PIRGU

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La clausola contrattuale con cui la banca subordina le operazioni richieste dal cliente al consenso al trattamento dei dati sensibili è affetta da nullità in quanto contraria a norme imperative ex art. 1418 c.c. Qualora venga bloccata l’operatività del conto corrente, dunque, la banca risponderà di inadempimento contrattuale.
In questi termini si è recentemente espressa la Corte di Cassazione con la decisione n. 26778/2019, relativa a un tema di particolare rilevanza pratica, soprattutto nell’epoca della c.d. patrimonializzazione dei dati personali: la gestione di tali dati da parte degli istituti di credito.

La decisione ha ad oggetto una fattispecie realizzatasi prima dell’entrata in vigore del Regolamento Ue 679/2016 (GDPR), ma gli esiti a cui giunge sembrano potersi estendere

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU