X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La mancata risposta all’avviso bonario fa saltare la definizione al terzo

Il contribuente non deve però attivarsi a ridosso della scadenza

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 15 novembre 2019

Uno degli aspetti più problematici della definizione degli avvisi bonari (artt. 2 e 3 del DLgs. 462/97) riguarda il computo dei 30 giorni entro cui, per beneficiare della riduzione al terzo delle sanzioni, bisogna pagare le imposte, le sanzioni ridotte e gli interessi legali (oppure la prima rata) quando il contribuente, come suo diritto, ha instaurato il contraddittorio, chiedendo l’archiviazione totale o parziale della pretesa.

Limitandosi a parlare della liquidazione automatica, il complesso normativo è un po’ “laconico”. L’art. 36-bis comma 3 del DPR 600/73 (ma lo stesso vale per il 54-bis) sancisce che quando dai controlli automatici emerge un risultato diverso rispetto a quello della dichiarazione, l’esito è comunicato al contribuente. Poi, viene specificato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU