X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Segnalazione di clienti dietro compenso incompatibile con la professione

/ Edoardo MORINO

Venerdì, 15 novembre 2019

Nella pratica professionale può accadere che al commercialista venga richiesto – nello svolgere specifici incarichi o nel fornire consulenze – di segnalare o presentare a soggetti terzi i propri clienti; l’ipotesi in cui sia previsto un compenso per quest’ulteriore attività pone un problema di compatibilità con l’esercizio della professione.

A livello normativo viene in evidenza l’art. 4 comma 1 lett. c) del DLgs. 139/2005, a mente del quale l’esercizio della professione è incompatibile con l’esercizio, anche non prevalente, né abituale, “dell’attività d’impresa in nome proprio o altrui e, per proprio conto, (…) intermediaria nella circolazione di beni e servizi, tra cui ogni tipologia di mediatore”.

Volendo chiedersi quale possa essere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU