X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Disattivare il badge del dipendente non può integrare il licenziamento

La giurisprudenza ritiene invece che messaggi SMS o WhatsApp possano soddisfare la forma scritta richiesta

/ Sergio PASSERINI

Venerdì, 22 novembre 2019

Nei giorni scorsi ha trovato spazio sugli organi di stampa la notizia che decine di lavoratori di una azienda con sede a Roma sarebbero stati licenziati “tramite il loro badge”: recatisi regolarmente al lavoro, questi lavoratori avrebbero scoperto di essere stati licenziati perché i loro badge erano stati disabilitati e le serrature delle porte di accesso alla sede di lavoro cambiate. Solo successivamente i lavoratori sarebbero stati convocati via SMS e sarebbe stato loro spiegato che l’azienda avrebbe cessato la propria attività.

Al di là dello specifico caso, si richiama l’attenzione sui principi giuridici effettivamente applicabili in questioni così delicate.
Per chiarezza, è utile partire dalle norme fondamentali in materia. L’art. 2 della legge 604/1966 stabilisce ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU