X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

L’OCSE alza le stime sull’Italia e abbassa quelle globali

Revisione al rialzo rispetto alla stima di settembre, anche se la crescita, assieme a quella tedesca, è prevista ai livelli più bassi tra i Paesi eurozona

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 22 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’OCSE, nell’aggiornamento delle sue previsioni macroeconomiche, vede l’economia mondiale crescere al ritmo più lento dalla crisi finanziaria, con i Governi che hanno lasciato alle banche centrali il compito di spingere gli investimenti. Ciò rafforza l’incoraggiamento che Draghi e Lagarde stanno insistentemente ripetendo ai Governi dei Paesi virtuosi negli ultimi mesi: chi può spendere spenda per il bene comune.
E quando si parla di Paesi virtuosi ovviamente si parla di Germania. Proprio in questi giorni Angela Merkel e il suo Ministro delle Finanze hanno respinto la richiesta congiunta di imprenditori e sindacati tedeschi di “risvegliare” un’economia stagnante attraverso una maggiore spesa pubblica. Il Governo tedesco non sembra però intenzionato a ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU