X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Copia autentica della sentenza telematica nel giudizio di rinvio

In sede di rinvio si applicano le norme previste per il primo o secondo grado

/ Caterina MONTELEONE

Martedì, 3 dicembre 2019

Il processo tributario telematico è obbligatorio per i ricorsi proposti dal 1° luglio 2019, con l’eccezione delle controversie di valore fino a tremila euro, in relazione alle quali il contribuente può rinunciare alla difesa tecnica e stare in giudizio personalmente.

Secondo le regole applicabili al processo telematico, gli atti processuali devono essere notificati a mezzo PEC e i depositi presso le segreterie, compresa la costituzione in giudizio, l’appello e i giudizi di rinvio riassunti a seguito di sentenza di Cassazione sono posti in essere telematicamente.
Anche dopo l’introduzione della telematica, le regole del processo tributario continuano ad essere contenute nel DLgs. 546/92 che, essendo stato emanato per disciplinare il rito analogico, talvolta possono sembrare lacunose ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU