X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

FISCO

Niente deduzione per il professionista anche se l’altro immobile è in parte locato

Per la Cassazione se nel secondo immobile si svolge solo l’attività professionale non spetta la deduzione dei costi per l’immobile promiscuo

/ Alessandro COTTO

Giovedì, 5 dicembre 2019

La Cassazione, con la sentenza n. 31621 depositata ieri, 4 dicembre 2019 si è soffermata sulle condizioni che autorizzano un professionista, titolare di reddito di lavoro autonomo, a portare in deduzione i costi relativi ad un immobile adibito ad uso promiscuo, vale a dire utilizzato in parte per scopi personali, in parte per l’attività professionale.

Ai sensi dell’art. 54 comma 3 del TUIR vigente all’epoca dei fatti di causa, per gli immobili utilizzati promiscuamente, “a condizione che il contribuente non disponga nel medesimo comune di altro immobile adibito esclusivamente all’esercizio dell’arte o professione”, è deducibile una somma pari al 50% della rendita ovvero, in caso di immobili acquisiti mediante locazione, anche finanziaria, un importo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU