X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Impugnazione residuale del fallito contro la difesa

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La giurisprudenza, da tempo, è consolidata nel ritenere che l’avviso di accertamento, in linea di principio e con riferimento alle obbligazioni tributarie ante fallimento, vada notificato sia al curatore del fallimento sia al fallito.
Se l’accertamento non è notificato (anche o solo) al fallito, questi, nel momento eventuale in cui torna in bonis, non risponde delle obbligazioni tributarie; in modo speculare, se l’atto non viene notificato (anche o solo) al curatore, sarà inopponibile alla massa fallimentare (Cass. 9 novembre 2018 n. 28707 e 14 settembre 2016 n. 18002).

È altresì consolidata l’interpretazione in ragione della quale il fallito a cui è stato notificato l’atto non può sempre impugnare l’atto o appellare la sentenza, in quanto il menzionato diritto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU