X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 29 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I non residenti non sono tenuti alla chiusura del conto italiano

Con risposta ad interrogazione parlamentare è stato, inoltre, analizzato il «nodo» dei costi di gestione

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 13 dicembre 2019

La risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-03105 resa alla Camera ha analizzato un problema sinora irrisolto per i soggetti non residenti, rappresentato dal costo per la gestione dei conti italiani, in genere sensibilmente più elevato rispetto a quello dei corrispondenti conti intrattenuti dalla clientela residente.

Il problema si è amplificato negli ultimi anni in virtù di oneri più significativi a carico degli intermediari finanziari, tenuti ad identificare la clientela in modo estremamente puntuale quanto a residenza fiscale in virtù degli obblighi di segnalazione previsti dal Common Reporting Standard e dalle disposizioni FATCA con gli Stati Uniti d’America.

La risposta all’interrogazione parlamentare precisa, da un lato, che i conti correnti riservati ai non residenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU