X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rettifica della rendita «proposta» senza limiti temporali per il contribuente

Il procedimento di classamento è di tipo accertativo e mira a far chiarezza sul valore economico del bene in vista di una congrua tassazione

/ Antonio PICCOLO

Lunedì, 17 febbraio 2020

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 34001/2019, ha raddrizzato il proprio consolidato orientamento in tema di rettifica del classamento e quindi della rendita catastale, riaffermando che al contribuente deve essere riconosciuto il diritto di modificare, senza alcun limite temporale, la rendita “proposta” attraverso la procedura DOCFA ogni qualvolta la situazione di fatto o di diritto ab origine denunciata non sia veritiera (per tutte, Cass. nn. 21097/2019, 3001/2015 e 3119/2013). Questo perché il procedimento di classamento è di tipo accertativo, mirando a far chiarezza sul valore economico del bene in vista di una congrua tassazione secondo le diverse leggi di imposta.

Infatti, secondo la consolidata prassi e la stessa giurisprudenza tributaria di legittimità (circ. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU