X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Competente il giudice fallimentare per l’eccezione di prescrizione della cartella

Se la cartella è notificata e la pretesa è definitiva, sui fatti estintivi successivi decide il giudice ordinario

/ Antonino RUSSO

Sabato, 18 gennaio 2020

Secondo un principio affermato dalle Sezioni Unite nel 2017, con la decisione n. 14648, l’eccezione di prescrizione dei crediti tributari successivamente alla notifica di una cartella, formulata dal curatore in sede di ammissione al passivo, era da affidarsi allo scrutinio del giudice tributario, da ciò conseguendo in sede fallimentare l’ammissione con riserva del credito in oggetto.

Così veniva condiviso l’esito delle Sezioni Unite n. 23832/2007, ove si rappresentava che “l’attribuzione alle commissioni tributarie – a norma dell’art. 2 del DLgs. 31 dicembre 1992, n. 546, come sostituito dall’art. 12, comma 2, della legge 28 dicembre 2001, n. 448 – della cognizione di tutte le controversie aventi ad oggetto i tributi di ogni genere e specie [...], si ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU