X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nuovi criteri per il distacco di personale con effetti limitati in ambito internazionale

La pronuncia della Corte Ue sulla disciplina IVA interna non incide sui criteri di territorialità

/ Emanuele GRECO

Martedì, 16 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le recenti novità per la disciplina IVA del distacco di personale offrono lo spunto per alcune considerazioni in merito al trattamento fiscale da riservare ai menzionati servizi, qualora resi in ambito internazionale.

La sentenza della Corte di Giustizia Ue, causa C-94/19, ha infatti dichiarato che le disposizioni nazionali sono incompatibili con la direttiva 2006/112/Ce nella misura in cui non sono ritenuti rilevanti ai fini IVA i prestiti o i distacchi di personale di una controllante presso la sua controllata, a fronte dei quali è versato solo il rimborso del relativo costo, “a patto che gli importi versati dalla controllata a favore della società controllante, da un lato, e tali prestiti o distacchi, dall’altro, si condizionino reciprocamente”.

Di fatto, in sede unionale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU