X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

LAVORO & PREVIDENZA

La violazione del Protocollo COVID-19 può costituire condotta antisindacale

Per il Tribunale di Treviso la costituzione del Comitato interno deve intervenire nell’ambito di ciascuna unità produttiva locale

/ Viviana CHERCHI

Lunedì, 27 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il decreto n. 2571/2020, il Tribunale di Treviso ha emesso una tra le prime pronunce in materia di condotta antisindacale ai sensi dell’art. 28 della L. 300/70 per violazione del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del COVID-19 negli ambienti di lavoro.

Si ricorda come il Protocollo anticontagio siglato dalle Parti sociali e il Governo il 14 marzo 2020, il quale è stato integrato il successivo 24 aprile 2020 e divenuto efficace erga omnes grazie al suo recepimento nel DPCM del 26 aprile 2020, conferisce un ruolo rilevante alle espressioni sindacali prossime all’azienda. Già in premessa il Protocollo ha, infatti, stabilito come l’identificazione da parte delle imprese delle misure volte a contrastare e ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU