X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 30 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Indennità al 50% per il nuovo «congedo COVID-19»

Con la circolare n. 45, l’INPS fornisce le prime indicazioni operative per la fruizione di congedi e permessi

/ Giada GIANOLA e Elisa TOMBARI

Giovedì, 26 marzo 2020

L’INPS, con la circolare n. 45, pubblicata ieri, ha fornito le istruzioni operative in merito alla fruizione del congedo speciale di cui all’art. 23 del DL 18/2020 e dei permessi di cui alla L. 104/92, aumentati per effetto dell’art. 24 del medesimo decreto (per il bonus baby sitting si veda “Bonus baby sitting nel limite massimo anche con più figli con i requisiti” del 25 marzo 2020).
Con tale circolare sono state inoltre impartite ai datori di lavoro le istruzioni per la compilazione delle denunce contributive.

Nella circolare viene precisato che i dipendenti del settore privato, quelli iscritti alla Gestione separata INPS e i lavoratori autonomi iscritti all’INPS sono tenuti, al momento della presentazione della domanda, ad autocertificare la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge ai fini della relativa fruizione.

L’Istituto chiarisce inoltre che in attesa dell’adeguamento delle procedure informatiche ai fini della presentazione delle istanze – di cui l’INPS darà comunicazione con successivo messaggio – i datori di lavoro dovranno consentire ai propri dipendenti di fruire del congedo e dovranno inoltre provvedere al pagamento della relativa indennità (ad adeguamento avvenuto i lavoratori dovranno comunque presentare l’istanza all’INPS), così come, in tale periodo di attesa, anche gli iscritti alla Gestione separata INPS e i lavoratori autonomi iscritti all’Istituto ne potranno fruire.
Per tali lavoratori viene precisato che eventuali periodi di congedo parentale richiesti prima del 17 marzo, anche se ricadenti durante il periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole, come disposto dal decreto “Cura Italia”, non potranno essere convertiti nel congedo speciale.

Per i dipendenti privati, i datori di lavoro dovranno comunicare all’INPS attraverso il flusso UniEmens le giornate di congedo fruite. Per il settore agricolo, relativamente al primo trimestre 2020, la comunicazione dovrà avvenire con il flusso DMAG utilizzando i codici evento forniti dalla circolare in commento.

Come già rilevato su Eutekne.info, (si vedano “Congedo speciale o voucher per i lavoratori genitori di minori di 12 anni” del 17 marzo 2020 e “Congedo speciale con procedura INPS già in uso” del 21 marzo 2020), per la fruizione del congedo speciale, sia a conguaglio che a pagamento diretto, i dipendenti devono presentare la domanda al datore di lavoro e all’INPS utilizzando la procedura di domanda di congedo parentale già in uso, mentre i genitori con figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni devono presentare la domanda unicamente al proprio datore di lavoro.

Oltre agli interventi sopra esposti, l’art. 24 del DL 18/2020 ha previsto, in aggiunta ai tre giorni di permesso mensile già riconosciuti dall’art. 33, comma 3 della L. 104/1992, il diritto a ulteriori dodici giorni di permesso, da fruire complessivamente nell’arco dei mesi di marzo e aprile 2020.

Diritto a ulteriori 12 giorni di permesso 104

I beneficiari sono i lavoratori che prestano assistenza a un familiare di cui sia accertata una grave disabilità, che sia coniuge, parte dell’unione civile, convivente di fatto; parente o affine entro il secondo grado; parente o affine entro il terzo grado solo qualora i genitori, il coniuge, la parte di unione civile, il convivente di fatto, della persona da assistere abbiano compiuto i 65 anni di età o siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti. Ai sensi dell’art. 33, comma 6, tale diritto spetta anche al lavoratore dipendente per far fronte alle necessità connesse al proprio status di portatore di handicap grave.

Richiamato l’ambito di applicazione, con la circolare in esame l’INPS chiarisce che, ferma restando la fruizione mensile dei 3 giorni previsti dall’art. 33, è possibile spendere tali 12 giornate anche consecutivamente nel corso di un solo mese, anche frazionandoli in ore.
In proposito, l’INPS fa presente che, ai fini del frazionamento e del riproporzionamento in caso di rapporto di lavoro part time, potranno essere utilizzati gli algoritmi previsti per la divisione oraria dei tre giorni ordinariamente previsti dalla legge.

Restano ferme anche le indicazioni per la cumulabilità di tali permessi in capo allo stesso lavoratore. Ad esempio, spiega l’INPS “il lavoratore disabile che assiste altro soggetto disabile, potrà cumulare, per i mesi di marzo e aprile 2020, i permessi a lui complessivamente spettanti (3+3+12) con lo stesso numero di giorni di permesso fruibili per l’assistenza all’altro familiare disabile (3+3+12)”.

TORNA SU