X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

De Lise nuovo Presidente dell’Unione giovani

/ REDAZIONE

Giovedì, 2 aprile 2020

x
STAMPA

Matteo De Lise è il nuovo Presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili. Il commercialista napoletano succede alla guida dell’associazione a Daniele Virgillito, dimessosi dall’incarico a fine febbraio, circa 8 mesi prima della naturale scadenza del mandato.

Alle dimissioni di Virgillito, dovute a frizioni interne alla Giunta, sono seguite quelle di altri 7 componenti, sostituiti la scorsa settimana attraverso la cooptazione di altrettanti nuovi membri.

Ad oggi, la Giunta è formata, oltre al neo Presidente De Lise, da Emanuele Serina e Deborah Righetti (Vicepresidenti), Raffaele Loprete (Segretario), Francesco Oreste Pepe Milizia (tesoriere) e dai consiglieri Sonia Mazzucco, Gustavo Desana, Andrea Cervellini, Camilla Zanichelli, Francesco Savio, Federico Giotti, Vincenzo Giaccoli, Matteo Balestra, Enrico Lombardo, Leonardo Nesa. Fanno parte del collegio dei provibiri, invece, Maurizio Renna (Presidente), Ettore Perrotti ed Elena Ravera.

L’attuale squadra rimarrà in carica fino al termine originario del mandato iniziato con la presidenza Virgillito, ovvero ottobre prossimo, mese in cui sono previste le nuove elezioni per il rinnovo di tutti gli organi del sindacato.

“I giovani e i commercialisti devono essere al centro della ripresa”. Queste le prime parole di De Lise come Presidente dell’Unione. “È assurdo – ha aggiunto – pensare di continuare a non ascoltare le loro istanze e non sfruttare le loro conoscenze in materia economica e fiscale. Faremo di tutto per tutelare colleghi e le PMI, che costituiscono l’ossatura del sistema-Paese”.

TORNA SU