X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Oltre 80 mila domande di indennità senza copertura

I 200 milioni stanziati dal Governo non bastano, ne servono altri 50 per evadere tutte le richieste dei professionisti iscritti alle Casse private

/ Savino GALLO

Sabato, 18 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con i fondi attualmente stanziati dal Governo, oltre 80 mila professionisti ordinistici rischiano di rimanere fuori dall’indennità di 600 euro prevista dal decreto “Cura Italia”. I numeri precisi sono stati messi nero su bianco in una lettera che l’AdEPP ha inviato ieri ai Ministri di Economia e Lavoro, Gualtieri e Catalfo, chiedendo loro di rifinanziare al più presto il fondo per il reddito di ultima istanza dedicato ai professionisti, in modo da coprire quantomeno tutte le richieste relative al mese di marzo.

Al 14 aprile, le domande erano arrivate a “454.541, di cui ammesse al pagamento 413.455”. A queste andrebbero aggiunte altre 26.325 istanze che, “in considerazione dei tempi di istruttoria, sono ancora in lavorazione”.

“Rispetto allo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU