X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Necessario rivedere i piani aziendali per il lockdown

Incertezze sulla proroga di 6 mesi degli adempimenti in scadenza fra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2021 dei concordati preventivi omologati

/ Marco PEZZETTA

Mercoledì, 6 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il lockdown comporta l’esigenza diffusa di rivedere i piani aziendali. Spesso le prospettive post COVID deprimono le attese di flussi finanziari a servizio del debito, evidenziando l’utilità della moratoria e delle garanzie pubbliche della disciplina emergenziale. Queste ultime a loro volta impongono di non remunerare i soci almeno per un anno, rendendo più difficile raccogliere capitale di rischio fresco e più debole la struttura patrimoniale delle imprese, inevitabilmente sbilanciata verso il capitale di debito.

Questa spirale è particolarmente pericolosa per le imprese che stanno eseguendo un progetto di ristrutturazione/risanamento post omologa di un concordato preventivo. In tale fase i debiti bancari sono generalmente classificati come forborne non performing e quindi non possono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU