X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Si dovrebbe valutare un bonus per le assunzioni nei supermercati

Giovedì, 21 maggio 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
sabato sono andato a fare la spesa e ho notato, con un po’ di stupore e disagio, che il supermercato che frequento abitualmente ha ripreso l’affollamento pre-COVID.
Confrontandomi con altre persone pare che vari supermercati abbiano “abbassato” le soglie di guardia e aumentato gli ingressi, invitando semplicemente i presenti a mantenere il metro di distanza.

Prima file infinite, ora solo la formalità della temperatura all’ingresso, guanti e mascherina. Forse bisogna abituarsi a tornare alla realtà, affidandosi alla responsabilità di ciascuno... Però: per evitare inutili assembramenti, visto che ora tutti, o quasi, sono tornati al lavoro, perché il Governo non introduce un credito di imposta per assunzioni a tempo determinato (fino a cessata emergenza) di nuovi commessi, a condizione di aumentare l’orario di apertura?

Se i supermercati fossero aperti dalle 8.00 alle 24.00 tutti i giorni ci sarebbero meno assembramenti. Col credito di imposta si compenserebbe il maggior costo sostenuto dalle catene commerciali alimentari e si creerebbe un po’ di lavoro in un momento difficile come questo.


Augusto Fumagalli
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Como

TORNA SU