X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Niente IRPEF per i marittimi residenti imbarcati su navi battenti bandiera estera

Il beneficio fiscale compete indipendentemente dalla nazionalità della persona

/ Marcello ASCENZI

Mercoledì, 27 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il personale marittimo fiscalmente residente in Italia impiegato su nave battente bandiera estera per un periodo superiore a 183 giorni nell’arco di dodici mesi non è soggetto a tassazione sui redditi di lavoro derivanti dall’attività svolta a bordo, anche se di nazionalità non italiana. Tale speciale esenzione trova fonte nell’art. 5 comma 5 della L. 88/2001, norma di interpretazione autentica dell’art. 51 comma 8-bis del TUIR.

Tale ultima disposizione si pone nel contesto della riforma che ha portato all’armonizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle disposizioni fiscali e previdenziali in materia di lavoro dipendente avviata con il DLgs. 314/97 che, tra i vari interventi, ha abrogato l’esclusione da tassazione sino ad allora prevista per i lavoratori ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU