X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

È un fatto notorio che i professionisti calabresi siano pagati meno

Secondo la C.T. Reg. della Calabria per i professionisti della Provincia di Crotone tale affermazione trova riscontro nei dati ISTAT e in studi sociologici

/ Antonino RUSSO

Giovedì, 4 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il notorio, secondo il consolidato pensiero della giurisprudenza e della dottrina, è un fatto che, appartenendo alla conoscenza e alla cultura media della collettività, non necessita di prova e la cui esistenza è meramente affermata dal giudice, senza obbligo di motivazione.

Il dato normativo riguardo al notorio è offerto dall’art. 115, secondo comma c.p.c., ove è disposto che il giudice può, senza bisogno di prova, porre a fondamento della decisione le nozioni di fatto che rientrano nella comune esperienza.
La norma è, però, incompleta, perché non definisce quel concetto di notorio dianzi accennato e tale carenza apre talvolta la strada a letture giudiziali che appaiono erronee, come sembrerebbe essere accaduto nella sentenza n. 50/3/2020 della Commissione tributaria regionale della Calabria,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU