X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Le banche ci trattano da «scribacchini»

Lunedì, 15 giugno 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
in relazione alle diverse misure agevolative volte ad assicurare la liquidità alle imprese nostre clienti, previste dal decreto Liquidità e dalle varie misure Regionali, stiamo assistendo all’ennesimo maltrattamento della categoria e questa volta da parte di alcuni istituti di credito.

Anche chi, in nome della decantata specializzazione, non si è mai dedicato alla finanza agevolata, in questo periodo si sta imbattendo nella compilazione di allegati 4, 4-bis, domande di erogazione, allegati A, B,C, etc. E tutto ciò per la dedizione che ci mettiamo nell’assistere e non lasciare soli i nostri clienti in questo periodo di emergenza. Tutto questo sta succedendo per le carenze e le inefficienze di alcune banche, evidentemente poco organizzate e strutturate, che non si fanno problemi a girarci via mail moduli da riempire i cui dati sono desumibili per il 90 % da una visura camerale aggiornata; trattandoci da veri “scribacchini”.

Altro che “bacchettata” da parte di Bankitalia per i ritardi o manleva di responsabilità: meriterebbero ben altro e la nostra categoria un premio per l’impegno e la pazienza; premio che naturalmente non sarà riconosciuto da nessuno.


Ciro Fornaro
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Taranto


TORNA SU