X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Ripensare la mobilità urbana anche nell’ottica della salute

Da un’analisi dell’Imperial College di Londra si registrano rischi di malattia o morte precoce più bassi tra chi va a lavoro a piedi, in bici o in treno

/ FONDAZIONE UMBERTO VERONESI

Venerdì, 19 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Fra i tanti aspetti della vita quotidiana che in tempi di COVID-19 siamo costretti a ripensare ci sono anche i modelli di mobilità urbana. Certamente per contenere i rischi di contagio, ma non solo: la salute di individui e collettività passa anche dai mezzi che utilizziamo per spostarci.

Biciclette, piste ciclabili, monopattini o semplicemente delle scarpe comode possono fare la differenza. Lo ha suggerito un gruppo di ricercatori dell’Imperial College di Londra, che ha studiato abitudini e stato di salute di oltre 300.000 pendolari britannici in un arco di tempo piuttosto ampio, 25 anni. Dalla loro analisi è emerso che fra le persone che andavano regolarmente a lavorare a piedi o in bicicletta (o anche in treno) i rischi di malattia o morte precoce erano più bassi rispetto a ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU