X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Errori per operazioni in split payment con nota di variazione

In assenza della dicitura sulla fattura, sanzione per il fornitore e responsabilità per l’acquirente

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Lunedì, 14 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La difficoltà nell’individuare tempestivamente se il destinatario di un’operazione rientra nel perimetro dello split payment (art. 17-ter del DPR 633/72) può comportare errori in sede di applicazione dell’IVA.
In base a quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate (circ. nn. 15/2015 e 27/2017), al fornitore che abbia emesso una fattura senza l’indicazione “scissione dei pagamenti” o “split payment”, ritenendo erroneamente che l’operazione non fosse soggetta ad IVA con lo speciale meccanismo, si applica la sanzione amministrativa di cui all’art. 9 comma 1 del DLgs. 471/97 (da 1.000 a 8.000 euro).

L’Amministrazione finanziaria ha chiarito, altresì, che il fornitore deve “regolarizzare” l’operazione emettendo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU