X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Cointestazione del conto con imposta di donazione solo se vi è l’animus donandi

Si tratta di un requisito determinante per configurare una donazione indiretta

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 31 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ampio concetto di liberalità rientra anche una serie di atti che, pur non costituendo tecnicamente una donazione, producono i medesimi effetti.
La categoria più significativa delle “liberalità non donative” è costituita dalle c.d. donazioni indirette, negozi di natura diversa dalla donazione tipica di cui all’art. 769 c.c. e di cui un soggetto può ugualmente avvalersi con lo scopo di arricchire un altro soggetto.
Tali liberalità sono attuate mediante uno strumento negoziale che ha uno scopo tipico diverso dalla c.d. causa donandi ma è nel contempo idoneo a produrre, unitamente all’effetto diretto che gli è proprio, quello tipico della donazione, ovvero l’arricchimento senza corrispettivo.

Nell’ambito delle donazioni indirette sono, in estrema sostanza, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU