X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

«Prezzo di acquisto» come base imponibile IVA in caso di cessazione dell’attività

/ Maria Giulia BORSA

Lunedì, 10 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ipotesi di cessazione dell’attività economica esercitata da un soggetto passivo con la cancellazione della partita IVA, la fuoriuscita dei beni dalla sfera giuridica di soggetto passivo e il rientro dei medesimi in quella da consumatore configurano una cessione di beni ai sensi dell’art. 2 comma 2 n. 5) del DPR 633/72, c.d. autoconsumo esterno, sempreché l’imposta, all’atto dell’acquisto di tali beni, sia stata detratta integralmente o in parte.

In tale fattispecie, in linea con l’art. 18 lett. c) della Direttiva 2006/112/Ce, il possesso dei beni da parte del contribuente, che perde la qualifica di soggetto passivo e assume quella di consumatore finale, viene equiparato a una cessione di beni a titolo oneroso, per garantire il rispetto del sistema ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU