X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Abuso del diritto e norma interpretativa del Registro finalmente coordinati

Assonime auspica che ora l’Agenzia individui i principi con cui l’art. 10-bis della L. 212/2000 può trovare applicazione per le riorganizzazioni societarie

/ Anita MAURO

Venerdì, 31 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ora che la Consulta, con la sentenza n. 158/2020, ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 20 del DPR 131/86 (come riformulato dalla legge di bilancio 2018 e reso retroattivo dalla legge di bilancio 2019), sarebbe opportuno, secondo Assonime, che l’Agenzia delle Entrate definisse in modo preciso i principi in base ai quali gli uffici possono applicare la disciplina dell’abuso del diritto (art. 10-bis della L. 212/2000) in materia di imposta di registro e, in particolare, nelle operazioni di riorganizzazione societaria, posto che in questo modo si renderebbe meno incerta la determinazione degli oneri fiscali gravanti su tali operazioni.

È questa la conclusione della circolare Assonime 30 luglio 2020 n. 18, nella quale viene commentata ed ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU