X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Restano fermi i termini di versamento delle precedenti rivalutazioni

Il DL 34/2020 non proroga la scadenza per la sostitutiva dovuta a seguito di rivalutazione di partecipazioni non quotate possedute al 1° gennaio 2019

/ Salvatore SANNA

Martedì, 4 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta interpello n. 236, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sullo stratificarsi delle varie proroghe del regime che consente la rideterminazione del costo fiscale delle partecipazioni non quotate detenute al di fuori dal regime di impresa, applicando l’imposta sostitutiva dell’11%.
Questo regime, originariamente introdotto dall’art. 5 della L. 448/2001, consente di affrancare, in tutto o in parte, le plusvalenze conseguite, ex art. 67 del TUIR, allorché le partecipazioni vengano cedute a titolo oneroso.

Per avvalersi della rivalutazione, occorre possedere la partecipazione a una data di riferimento (per la proroga a oggi ancora valida il 1° luglio 2020) e, per perfezionare l’operazione, è necessario entro un termine improrogabile (attualmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU