ACCEDI
Venerdì, 19 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Termini brevi di liquidazione nel fallimento

I tempi di realizzo dell’attivo sono stringenti e derogabili solo in casi eccezionali e motivati

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 20 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disposizione originaria relativa al programma di liquidazione del fallimento, come si ricava dalla prima formulazione dell’art. 104-ter del RD 267/42, aveva previsto un unico termine di deposito essenziale, stabilito in sessanta giorni dalla redazione dell’inventario.
Scadenza, ben si comprende, sostanzialmente mobile in quanto ancorata alla conclusione delle operazioni di inventario, sovente influenzate da una serie di fattori capaci di ritardarne la conclusione (non ultimo quello della non sempre pronta disponibilità del cancelliere, organo, ancor oggi, necessariamente deputato alla redazione in forma analitica del processo verbale).

Nelle prime applicazioni si era manifestato un deleterio, ma invalso, uso del curatore di strumentalizzare detto termine, con un voluto e determinato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU