X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Scadenza degli avvisi bonari sospesi in dirittura d’arrivo

Entro il 16 settembre occorre pagare la prima rata

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 14 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 16 settembre scade il termine per pagare la prima rata o le intere somme dei versamenti scaturenti da atti impositivi, istituti deflativi del contenzioso e avvisi bonari, grazie alla proroga che era stata concessa dagli artt. 144 e 149 del DL 34/2020.

Non si tratta tuttavia di una sospensione generalizzata.
Grazie all’art. 144 del DL 34/2020, i pagamenti derivanti da avvisi bonari (prima rata o rate successive), se la scadenza originaria era compresa tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020, possono avvenire entro il 16 settembre 2020 senza applicazione di sanzioni e interessi.

Il pagamento è in questo caso funzionale alla definizione ai sensi degli artt. 2, 3 e 3-bis del DLgs. 462/97 salvo si tratti di tassazione separata, che a seconda delle ipotesi cagiona la riduzione delle sanzioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU